Otite

Processo flogistico a carico dell'orecchio medio.
Le otiti possono essere suddivise in acute e croniche.

Otite media acuta

Otite siero-mucosa

È una patologia flogistica dell’orecchio medio, a timpano integro, caratterizzata dalla presenza di un versamento endotimpanico. Si caratterizza per ipoacusia, otodinia che non è mai molto intensa.

Otite media acuta purulenta

È una patologia flogistica dell’orecchio medio su base microbica, caratterizzata dalla presenza di essudato purulento. Si caratterizza per 4 fasi cliniche:

  • Fase dell’iperemia: il paziente lamenta senso di ovattamento auricolare con progressiva insorgenza di otodinia; vi può essere febbre;
  • Fase essudativa: è caratterizzata da intensa otodinia pulsante e ipoacusia;
  • Fase della perforazione: la fuoriuscita di pus associata alla scomparsa dell’otodinia; persiste l’ipoacusia;
  • Fase della guarigione: progressiva regressione della sintomatologia.

Otite media cronica

Otite media cronica siero-mucosa

È la cronicizzazione della forma acuta.

Otite media cronica purulenta

È caratterizzata dalla presenza di una infiammazione cronica dell’orecchio medio con ricorrente otorrea associata ad una perforazione timpanica che non tende a chiudersi spontaneamente. Si caratterizza con ipoacusia di media entità e otorrea che in rapporto alla frequenza degli episodi viene classificata in:

  • Orecchio cronicamente secernente
  • Orecchio secernente in modo intermittente
  • Orecchio non secernente

Otite media cronica colesteatomatosa

È caratterizzata dalla presenza di epitelio squamoso cheratinizzato (cute), associato a flogosi cronica, nelle cavità dell’orecchio medio. Si caratterizza con ipoacusia di entità modesta in quanto il colesteatoma può trasmettere i suoni in modo relativamente efficace ed otorrea fetida, a causa della necrosi ossea e della flogosi da microbi anaerobi.

Specifica (tubercolare, luetica)

Sequele

Perforazione timpanica

È una soluzione di continuo del timpano in assenza di fenomeni flogistici.

Timpanosclerosi

È caratterizzata da fenomeni cicatriziali a carico della membrana timpanica e della catena ossiculare in presenza o in assenza di una perforazione timpanica.

Complicanze

Mastoidite, Petrosite, Labirintite, Paralisi del facciale, Meningite, Ascesso cerebrale o cerebellare, Nuclear magnetic, Tromboflebite dei seni venosi endocranici o della vena giugulare interna.